COME METTERE ORDINE NELLA PROPRIA VITA

Ci sono dei particolari periodi della nostra vita in cui ci sentiamo insoddisfatti e spenti, ci sembra di avere una enorme confusione in testa e nella nostra vita che non ci permette di vedere le cose in modo chiaro. A volte ci sentiamo travolti dalle cose da fare, ma a fine giornata ci sembra di non aver fatto nulla. In queste circostanze non resta che fare una cosa: fermarsi, prendere atto del caos in cui ci troviamo e iniziare a mettere ordine intorno a noi. Per prima cosa mettiamo in ordine il luogo in cui siamo, la nostra scrivania, la camera da letto, il luogo in cui passiamo più tempo e che vogliamo diventi più produttivo, solo successivamente potremo iniziare a mettere ordine nella nostra mente ed ecco alcuni passi per farlo.

 

- Prendi nota di ciò che vuoi cambiare nella tua vita. Non fare pensieri astrati, ma scrivi una lista concreta di cose semplici che riguardano il tuo quotidiano e che vorresti cambiare.

- Stabilisci delle priorità, ciò che secondo te è più urgente da modificare e ciò che invece può aspettare, privilegia all’inizio i problemi di facile soluzione che ti daranno una buona energia positiva per continuare il tuo lavoro.

- Datti un tempo preciso entro cui arrivare alla soluzione di un problema o alla fine di un lavoro, questo ti aiuterà a non tergiversare e ad usare le tue risorse in modo efficace.

- Organizza la tua giornata in modo da avere tempo da dedicare ai tuoi obiettivi: una buona organizzazione è la chiave del successo.

- Tieni aggiornata la tua lista scritta delle cose da fare (vedi numero 1), questo ti consente di tenere sotto controllo il tuo percorso, la strada che hai già fatto ed i successivi passi da compiere.

- Ultimo ma non per importanza lascia andare ciò che non ti serve più. Come quando si fa ordine nei cassetti è necessario buttare via il superfluo, ciò che non ci piace più, non ci sta più bene, ciò che non funziona più, così nella vita di tutti i giorni dobbiamo imparare a liberarci dei pesi che ci rallentano, delle situazioni che tirano fuori il peggio di noi o che ci fanno stare male. Solo così potremo fare spazio al bello ed al positivo!

 

Buon lavoro!

Dott.ssa Alessandra Mirandola