COVID-19 E BENESSERE PSICOSOCIALE

 

A marzo 2020, l'OMS ha qualificato il COVID-19 come una pandemia.

 

Questo periodo di crisi, nonostante l’ingente lavoro delle autorità politiche e sanitarie per arginare la pandemia, sta generando stress in tutta la popolazione. Di seguito vengono riportate una serie di buone pratiche identificate dal Dipartimento di Salute Mentale e Uso delle Sostanze dell’OMS che possono essere utili nel sostenere il benessere psicosociale in questo particolare periodo storico.

 

  1. STATE AI FATTI, NON ALLLE VOCI

Cercate informazioni solo da fonti affidabili, una o due volte al giorno e con lo scopo di prendere misure pratiche per pianificare le vostre azioni e proteggere voi stessi e i vostri cari.

 

  1. STOP ALLO STIGMA

Il COVID-19 è una malattia, ma una persona affetta da tale malattia non deve essere identificata con essa. Si tratta di “persone che hanno il COVID-192, non “casi (o famiglie, o vittime) COVID-19”

 

  1. NO ALLA DISCRIMINAZIONE

Quando ci si riferisce a persone con COVID-19 è necessario ricordare che queste persone meritano sostegno e gentilezza e che si sono ammalate indipendentemente dell’etnia e della cultura di appartenenza.  

 

  1. SI’ ALLA SOLIDARIETA’

Assicuratevi che il vostro vicino o la vostra comunità stia bene, se c’è bisogno di aiuto datelo nel rispetto delle norme vigenti, questo farà stare bene voi e chi vi sta accanto.

 

5- SI’ ALLA RICONOSCENZA

Rispettate chi si prende cura delle persone colpite da COVID-19. Siate riconoscenti del ruolo che svolgono: operano per la vostra sicurezza.  

 

Dott.ssa Alessandra Mirandola

Psicologa-Psicoterapeuta.