Riscoprire il partner attraverso il dialogo

Sempre più coppie decidono di affidarsi alla terapia perché, nonostante la presenza fisica del partner, ci si sente soli ad affrontare quello che la vita ci riserva. Nel periodo dell’innamoramento si investe molto tempo nel conoscersi, parlare, comunicare e lo spazio del “noi” è pregnante nella vita dei fidanzati che sono molto motivati a conoscersi e farsi conoscere esprimendo emozioni, pensieri, desideri ed obiettivi che riguardano la coppia.

Man mano che passa il tempo però il dialogo di coppia finisce per diminuire e i partner comunicano essenzialmente “tra di loro” e non “di loro” e lo spazio che viene dedicato alla coppia si fa sempre più ristretto ed essenziale. Quando il tempo passa e la condivisione diventa sempre più ristretta diventa difficile e quasi innaturale ricreare quello spazio di condivisione fluido che si viveva i primi tempi e si finisce, dopo qualche maldestro tentativo, per rinunciare e chiudersi nel silenzio. Il silenzio viene speso utilizzato come arma per comunicare rabbia, rancore o altre emozioni negative che però non vengono verbalizzate e quindi non vengono riconosciute dal partner che finisce per allontanarsi sempre più in risposta al muro di silenzio.

In una situazione del genere diventa difficile anche ritagliarsi un momento di intimità perché se alla base ci sono rancori e risentimenti è difficile ricercare il partner a livello sessuale, verrà quindi a mancare anche un importante momento di unione e di intimità.

Gli impegni che aumentano, il tempo non basta mai, i rancori si fanno sempre più opprimenti, la rabbia aumenta ed il desiderio di stare insieme diminuisce drasticamente. Proprio in questi momenti bisogna correre ai ripari, prima di prendere decisioni da cui poi è difficile tornare indietro. Ogni coppia è diversa dall’altra, così come sono diversi gli interessi e le passioni che hanno fatto avvicinare i due partner, quindi una terapia di coppia diventa come un vestito che va cucito su misura sulla situazione che si presenta. Migliorare la comunicazione di coppia però è essenzialmente la prima cosa da fare per riconoscersi, riscoprirsi e rinnamorarsi del proprio partner.

Di seguito alcuni esercizi per riscoprire e rispolverare la comunicazione di coppia.

  • Fare domande con possibilità di alternativa piuttosto che affermazioni. Nelle affermazioni si mette un muro di fronte al partner che dovrà accettare il nostro punto di vista senza possibilità di replica. Dando la possibilità delle alternative invece mostriamo al partner che siamo disponibili a vagliare diverse possibilità e questo lo metterà nella condizione di poter dire la propria senza sentirsi braccato. Un esempio può essere “ti sei offeso con me o sei solo stanco?”, in questo caso il partner scorgerà da parte nostra la volontà di capire meglio la situazione e avrà la possibilità di parlare di come si sente e del perché.

  • Dedicare del tempo durante la giornata al dialogo di coppia. Nonostante la vita frenetica che una coppia può avere, se c’è il desiderio si trova sempre del tempo da dedicare all’altro per chiedergli come è andata la sua giornata e per raccontargli la propria. In questo modo si crea un momento di condivisione in cui la coppia può riscoprire la gioie di stare insieme.

  • Organizzare insieme un calendario di eventi ricco di momenti di condivisione che avvicinano i partner e li riportano a quando, da fidanzati, approfittavano di ogni occasione per passare del tempo insieme.

La coppia è una grande risorsa da proteggere e far fruttare al meglio.

 

Dott.ssa Alessandra Mirandola

Psicologa-Psicoterapeuta